I 5 trend del momento nel campo della Formazione

13 Nov

1. The Flip Class

Un sistema che sovverte il tradizionale metodo di apprendimento. Lezioni che si svolgono a casa e compiti e mansioni in aula. Come? Gli studenti frequentano lezioni via web, attraverso la fruizione autonoma di video o podcast (contenuto trovato online o creato ad hoc dal docente), mentre l’aula diventa luogo di esercitazioni, esami e verifiche, basate su quei contenuti. Ciò che sembra ancora un pò lontano dal nostro “modus educandi” viene però smentito dall’efficacia del metodo. Pare che oltreoceano gli studenti acquisiscano così ottime capacità di ricerca, problem solving e soprattutto autonomia!

2. Byod

Byod è una sigla che sta per “Bring Your Own Device”, e si riferisce all’uso da parte degli studenti dei propri smartphone,
tablet e computer a scopo formativo. Molto si è dibattuto su un metodo che si presenta poco “democratico”, per la mancanza di uguale accesso alla tecnologia da parte di tutti, problema che si pone in particolare per la mancanza di strutture di formazione adeguate.

3. EdTech

Cosa succede quando i device elettronici entrano nelle aule? Un insieme di sistemi digitali avanzati può essere utile a supportare
le modalità di formazione, ma solo se prima ci si chiede: “quali sono gli obiettivi reali da raggiungere grazie al loro ingresso nei processi di apprendimento?”. Solo così gli educatori potranno selezionare gli strumenti che davvero possono favorire la prossimità degli studenti alle materie oggetto di studio.

4. 1 to 1

Cos’è? Nelle aule 1 to 1 ogni studente ha il suo personale dispositivo digitale su cui lavorare, senza che ci sia condivisione con altri studenti. E’ un sistema ancora in fase di implementazione a causa dell’ “arretratezza” del sistema globale (mancanza di budget e di coordinamento tra le varie figure, ecc), ma è il futuro della formazione!

5. Parent Engagement

E’ stato ampiamente dimostrato da numerose statistiche che quando i genitori svolgono un ruolo attivo nella formazione dei propri figli, l’apprendimento di questi ultimi migliora, completando a casa il lavoro svolto dagli educatori scolastici.
Ma rimane un nodo da sciogliere: cosa significa esattamente “parent engagement”? Abbiamo realmente bisogno di lezioni e workshop composti da gruppi di genitori per apprendere le tecniche su come aiutare i propri figli nell’apprendimento al di fuori delle strutture scolastiche? Non tutti avrebbero la possibilità di esserne coinvolti a causa degli impegni di lavoro e sarebbe difficile definirla concretamente una dottrina da adottare e inserire nei piani di formazione.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: