Archivio | marzo, 2014

Stormboard: la app per il brainstorming collaborativo

28 Mar

Oggi vogliamo segnalarvi un’app particolarmente utile per l’uso scolastico. Si tratta di Stormboard, piattaforma per il brainstorming collaborativo che mette a disposizione di una classe o gruppo di lavoro una lavagna condivisa su cui “appiccicare” note ed appunti scritti; ma anche foto e video.

Ogni idea aggiunta può essere votata e commentata dagli altri utenti, così da facilitare l’interazione e il dibattito. Inoltre, Stormboard genera istantaneamente dei report delle attività scaricabili e stampabili in pdf, affinchè nessun contributo venga perso. Altri punti a suo favore sono l’interfaccia intuitiva ed esteticamente gradevole, e il funzionamento su tutti i device.

Un video su Stormboard:

Utilizzare app come Stormboard può essere particolarmente appropriato per indurre la partecipazione degli alunni e facilitare il processo di apprendimento tramite un continuo scambio. Si può, ad esempio, sfruttare la lavagna condivisa per spronare gli studenti a discutere assieme un argomento affrontato in classe, trasformando la mera assimilazione di concetti in uno sprone allo sviluppo del pensiero critico. Inoltre, la possibilità di incorporare materiale visivo e multimediale rende più ricco e vario l’insegnamento tradizionale. La piattaforma è ideale anche per lo sviluppo di lavori di gruppo creativi, di cui verranno documentate tutte le fasi e le partecipazioni attive.

Un’idea alternativa stimolante può essere il suo utilizzo da parte di insegnanti per confrontarsi con i loro colleghi di altre scuole e di altri angoli del mondo in merito a programmi e metodologie didattiche.

Il servizio offerto da Stormboard è gratuito per un utilizzo di non più di 5 collaboratori alla volta. Vi sono poi diversi pacchetti a pagamento che consentono di ottenere utenti e admin illimitati.

 

Uno screenshot da Stormboard

Uno screenshot da Stormboard

E voi, avete già provato Stormboard? Conoscete altre app per il brainstorming collaborativo? Raccontatecelo nei commenti!

Annunci

Oppia: la risorsa smart di Google per l’educazione interattiva online

21 Mar

Google ha da poco lanciato Oppia, progetto open-source interattivo pensato per rivoluzionare l’approccio all’istruzione. Lo strumento, gratuito, permette a chiunque la creazione di attività educative online in modo intuitivo mediante l’interfaccia web, senza che siano necessarie competenze specifiche di programmazione.

Per creare tali attività, denominate “explorations”, si possono utilizzare testi, numeri e input a selezione multipla. Inoltre, sono supportati tool specifici come mappe cliccabili. Le explorations possono essere generate da una sola persona oppure da un intero team di insegnanti che contribuiscono da ogni parte del mondo, semplicemente connettendosi alla piattaforma dal proprio computer.

oppia

L’aspetto più interessante di Oppia è, però, senza dubbio il suo lato smart. Il tool è, infatti, basato su un sistema intelligente che raccoglie informazioni su come gli utenti interagiscono tra loro e con la piattaforma, in modo da poter offrire un servizio adeguato alle loro necessità. Per farlo, viene impiegato un “mentor”, ovvero una persona che pone domande allo studente mentre sta consultando una lezione. Basandosi sulle risposte date, il mentor decide quale altro quesito porgli e quale feedback dare: può, ad esempio, decidere se la questione vada approfondita o se passare a qualcosa di completamente nuovo. Il sistema rileva inoltre le domande che più frequentemente generano una risposta errata, e le segnala in automatico agli autori del corso.

Questi possono, così, basarsi sui feedback ricevuti per modificare di conseguenza le loro lezioni e guidare in modo più efficace gli studenti nell’apprendimento dei concetti meno chiari.

Oppia, si legge sul sito, è stata sviluppata partendo dall’idea di base per cui l’educazione online non possa essere ridotta ad una serie di contenuti multimediali interattivi ma debba, al contrario, modellarsi sulle necessità e sulle caratteristiche di ogni singolo utente; Proprio come avviene – o dovrebbe avvenire – in un ambito educativo face-to-face.

Ecco un video-tutorial per l’uso di Oppia:

 

Interessante notare come Google, diversamente da quanto si possa pensare, non vende Oppia come un suo prodotto ma, al contrario, scrive sui suoi canali: “Gran parte del codice che alimenta questo sito è stato scritto come un progetto open-source da un gruppo di ingegneri di Google […] Tuttavia, oppia.org non è un prodotto Google, e Google non si assume alcuna responsabilità per il contenuto di questo sito web.”

E voi, avete già testato Oppia? Cosa ne pensate? Lasciateci le vostre opinioni nei commenti!

Le app per leggere più veloci

14 Mar

Alzi la mano chi, in vista di un esame, non ha mai sognato di leggere un libro intero in poche ore; O chi non ha mai desiderato di liberarsi in fretta del flusso giornaliero di e-mail! Oggi vi presentiamo 4 app per la lettura veloce che vi faranno guadagnare tempo prezioso senza rinunciare alla necessaria documentazione.

1. SPRITZ 

Presentata il mese scorso al Mobile World Congress di Barcellona, è disponibile su device Galaxy S5 e Galaxy Gear 2 smartwatch per le lingue inglese, spagnolo, francese, tedesco, russo e coreano. Pensata per agevolare la lettura di e-mail, mostra una parola alla volta consentendo all’occhio di rimanere fermo nella stessa posizione mentre il testo avanza. Le ricerche fatte dal team di Spritz hanno dimostrato, infatti, che la maggior parte del tempo impiegato per leggere è dato dallo spostamento dell’occhio sullo schermo. Evitandolo – ed eliminando del tutto i procedimenti di scrolling e click – il processo risulta ampiamente velocizzato.

Uno screen shot da Spritz

Uno screen shot da Spritz

2. VELOCITY 

Come Spritz anche questa app, pensata specificatamente per il sistema operativo IOS 7, si basa sulla lettura di una singola parola alla volta, ma con la particolarità di essere completamente integrata nell’ecosistema iPhone; in questo modo, oltre ad applicarla alla lettura di e-mail, l’utente la può utilizzare per leggere più velocemente anche articoli e testi di ogni genere su Instapaper o Pocket.

Uno screen shot da Velocity

Uno screen shot da Velocity

3. SPEED READING TRAINER

Pensata appositamente per sistemi Android, la app garantisce che il suo impiego porterà l’utente a leggere 500 parole in un minuto nel giro di due settimane. I progressi possono essere misurati con l’apposito tool integrato nella app.

Uno screen shot da Speed Reading Trainer

Uno screen shot da Speed Reading Trainer

4. ACCELEREAD

Strutturata per step e traguardi, permette di creare obiettivi misurabili grazie ad un programma di training. Ogni volta che un obiettivo di lettura viene raggiunto, l’utente riceve stelle e trofei. Inoltre, i progressi vengono monitorati costantemente grazie ad apposite chart che mostrano la velocità di lettura attuale, la maggior velocità raggiunta e la velocità media.

Uno screen shot da Acceleread

Uno screen shot da Acceleread

Avete già provato qualcuna di queste app? Conoscete altri tool per la lettura veloce? Fateci avere le vostre opinioni nei commenti!

5 tool per imparare a scrivere usando i fumetti

7 Mar

Per i bambini, imparare a scrivere e sviluppare le proprie abilità narrative è spesso un atto noioso. Noi, però, possiamo far cambiare loro idea! Fumetti e storie fantastiche, ad esempio, sono un modo innovativo ed efficace per esercitarsi nelle tecniche di scrittura. Online esistono numerosi tool che consentono di creare strisce di fumetti, consentendo agli alunni di imparare divertendosi. Ve ne proponiamo qualcuna.

1. Scholastic Story Starters 

Senza bisogno di registrarsi, l’utente può scegliere tra quattro generi: avventura, fantascienza, fantasy e misto. Dopo aver scelto il genere, una sorta di slot machine genererà l’argomento della storia da raccontare. A questo punto, basterà scegliere il formato desiderato, scegliendo tra bloc notes, lettera, giornale e cartolina; Poi, lo studente potrà completarla e scaricarla o stamparla una volta terminato il lavoro.

Uno screen shot da Scholastic Story Starters

Uno screen shot da Scholastic Story Starters

2. Chogger 

Personalizzabile al 100%, Chogger offre la possibilità di disegnare i propri fumetti, usare foto fatte con la webcam e aggiungere baloon. Interessante anche la possibilità di votare e commentare i fumetti altrui, per un elevato grado di interazione.

Uno screen shot da Chogger

Uno screen shot da Chogger

3. Make Beliefs Comix 

Simile a Scholastic Story Starters, permette di creare strisce di fumetti scegliendo tra un’enorme varietà di personaggi, oggetti e baloon messi a disposizione degli utenti. Non è richiesta la registrazione e, oltre a poter stampare e/o scaricare il lavoro realizzato, lo si può anche facilmente condividere sui principali social network.

Uno screen shot da Make Beliefs Comix

Uno screen shot da Make Beliefs Comix

4. Comic Master 

Dispone di una library molto ricca di sfondi e personaggi che possono essere usati per creare libri a fumetti e graphic novel. Le storie create possono essere condivise gratuitamente con gli amici o postate direttamente sui social media.

Uno screen shot da Comic Master

Uno screen shot da Comic Master

5. Witty Comics 

Web tool estremamente semplice ed intuitivo, permette di generare dialoghi a fumetti utilizzando un set di sfondi pre-disegnati e personaggi già disegnati. Gli studenti potranno quindi soltanto utilizzare quelli già presenti e non crearne degli altri.

Uno screen shot da Witty Comics

Uno screen shot da Witty Comics

Conoscete altri tool per creare fumetti online? Che metodi vi sembrano efficaci per insegnare a scrivere in modo efficace e coinvolgente? Diteci la vostra nei commenti!