Tag Archives: app

PhotoMath: la app che risolve i problemi di matematica con una foto

14 Nov

Scatti una foto al problema di matematica, e il tuo smartphone ti dá la soluzione. Non è un bel sogno ad occhi aperti, ma il principio alla base di PhotoMath, la app che tutti gli studenti attendevano da generazioni. A metà tra una calcolatrice sofisticata ed una fotocamera con funzionalità integrata di riconoscimento del testo, PhotoMath sfrutta l’obiettivo del cellulare per scansionare e risolvere in real time espressioni aritmetiche, frazioni, decimali, potenze, radici quadrate ed equazioni.

Leggi l’articolo su Fractals.it!

PhotoMath

 

Annunci

8 app per migliorare la produttività

31 Ott

Sullo studio come sul lavoro, la tecnologia può aiutarci ad essere più veloci e produttivi. Abbiamo scovato per voi alcune tra le migliori app per organizzare in modo più efficace le incombenze di ogni giorno e, perchè no? Magari guadagnare un po’ di tempo in più per un aperitivo con gli amici!

1. Timeful – la app che ti ottimizza la routine

App gratuita per iOS, combina le to-do list con le funzionalità di uno smart calendar. Una volta inseriti impegni e routine quotidiane, un sofisticato algoritmo è in grado di analizzare le tue abitudini per fornirti suggerimenti mirati in grado di migliorare la tua gestione del tempo. Ad esempio, può indicarti il miglior momento della giornata in cui portare a termine una determinata attività, o evitarti il sovraccarico di lavoro in giornate concrete. Interessante anche la feature per trackare i progressi nello svolgimento di attività ripetute a cadenza regolare: utile per verificare i propri miglioramenti e l’efficacia della stessa app!

timeful

2. Sunrise – la app per arrivare preparati ai meeting

Anch’essa gratuita, questa app collega il calendario a LinkedIn, permettendoti di consultare facilmente il profilo professionale delle persone che stai andando ad incontrare proprio mentre ti dirigi all’appuntamento: l’ideale per i meeting e i colloqui di lavoro! É disponibile sia per iOS che per Android.

Sunrise

3. Vesper – la app che ti organizza i pensieri

A chi non è mai capitato di volersi appuntare un’idea mentre si trova in movimento, o è occupato in altre attività? Tool semplice ed elegante, Vesper è perfetto per memorizzare pensieri, idee e cose da fare senza correre il rischio di dimenticarsene. Vi si possono annotare riflessioni al volo e associarle a tag, così da reperirle facilmente in un secondo momento. Il sistema hold-and-drag ne rende, inoltre, intuitivi riordino ed archiviazione.

vesper

4. Slack – la app per gestire la comunicazione con il team

Ecco un tool gratuito che farà la felicità di molti: Slack consente, infatti, di mantenersi in contatto con il team di lavoro senza essere sommersi dalle mail. Funziona come una sorta di chat in cui si possono taggare utenti e creare canali specifici per la gestione di piccoli progetti di squadra. Ogni volta che un utente interviene nella conversazione, una notifica non invasiva viene segnalata in un angolo dello schermo, permettendo a tutti di essere costantemente aggiornati sulle attività e i problemi senza dover interrompere il proprio lavoro. Utile anche per la gestione di attività scolastiche di gruppo.

slack

5. Clear – la app per le to-do list

Le to-do list sono uno dei modi più semplici per tenere traccia dei compiti da svolgere. Clear permette di crearle in modo intuitivo, dando la possibilità di riorganizzare i to-do, aggiungere nuovi elementi e prendere nota delle attività già svolte semplicemente trascinandole via. È sincronizzato con iCloud e funziona su Mac, iPhone ed iPad.

clear-content

6. Mailbox – la app che ti libera dal flusso di mail

Se l’eccesso di mail in arrivo è uno dei vostri principali motivi di stress, questa app fa decisamente al caso vostro. Gratuita e disponibile sia per iOS che per Android, è pensata per aiutarvi a gestire la corrispondenza mantenendo pulita la casella di posta in arrivo. Lavora in tandem con mailbox per Mac e permette di decidere con un solo gesto quando far comparire le singole mail in cima all’inbox: più tardi nell’arco di una stessa giornata, in serata, la settimana prossima, etc. La miglior soluzione per non perdersi nessuna comunicazione, dando priorità alle più urgenti.

mailbox-app-2

7. Paper by Fifty Three – la app per gli schizzi

Per chi ama gli schemi, per chi svolge una professione creativa o per un approccio più visual allo studio: Paper by Fifty Tree, gratuita, sostituisce l’iPad al classico “album degli schizzi”, consentendo di disegnare bozzetti, grafici ed illustrazioni proprio come sulla carta, per archiviarli poi in diversi album virtuali. Vi sono svariati pennelli e penne virtuali incorporati, ed è disponibile una matita ufficiale in grado di rispondere alla pressione esercitata per produrre un output adeguato. All’interno della app è presente anche un’ecosistema creative commons per chi è in cerca di ispirazione.

paperby

8. GoodReader – la app che legge i file 

Quante volte vi è capitato di rimanere bloccati sul lavoro o sullo studio perchè non riuscivate ad aprire un file? Goodreader elimina l’ostacolo processando velocemente ogni tipo di file direttamente dal vostro iPhone e permettendo di intervenire sui PDF mediante aggiunta di annotazioni, caselle di testo, evidenziazioni o disegni.

9. NotesPlus – la app che sostituisce il quaderno

Se pensate che nessuna tecnologia possa sostituire il fascino della matita sul foglio, questa app vi farà ricredere. NotesPlus, per iOS, permette di disegnare e scrivere sullo schermo grazie ad un sistema che trasforma in automatico la calligrafia in testo. É inoltre possibile unire diversi disegni ed annotazioni semplicemente disegnando un cerchio attorno ad esse. Applicabilissimo sia a scuola che negli ambienti professionali ad alto tasso di creatività.

noteplus

E voi, come ve la cavate con l’organizzazione del lavoro? Se avete scoperto qualche app in grado di rendervi più veloci ed efficienti, segnalatecela: saremo felici di provarla!

One Note Class Notebook: la nuova piattaforma di Microsoft per la scuola

17 Ott

Microsoft ha da poco lanciato OneNote Class Notebook, una piattaforma per insegnanti e studenti che è già stata definita una diretta concorrente di Google Classroom.  Noi di Forma abbiamo voluto dare un’occhiata, e vi spieghiamo come funziona.

1Welcome

Basata su Office 365 e SharePoint Online, OneNote Class Notebook promette ai docenti un’esperienza di insegnamento più agevole mediante la possibilità di caricare materiale didattico accessibile agli studenti e monitorare in tempo reale lo svolgimento di compiti ed esercizi. Inoltre, l’integrazione della funzione handwriting per tablet rende l’esperienza scolastica digitale più simile a quella tradizionale, oltre a rendere possibile l’esecuzione di attività creative.

La app, gratuita per gli insegnanti con Office365, è organizzata in tre macro-aree:

Student Notebook: “bloc notes” privati dei singoli studenti, su cui sono chiamati a svolgere gli esercizi a loro assegnati. Gli insegnanti possono accedere in ogni momento a ciascuno dei notebook, ma gli studenti non possono vedere quelli dei compagni. La soluzione perfetta per un compito in classe!

Content Library: area in cui gli insegnanti possono caricare il materiale didattico o di approfondimento che vogliono mettere a disposizione degli allievi, i quali possono facilmente accedervi.

Collaboration space: luogo pensato per condividere appunti e materiali e collaborare tra studenti per portare a termine lavori di gruppo.

OneNote-class-notebooks

E voi, avete già avuto modo di testare One Note Class Notebook? Pensate possa reggere il confronto con Google Classroom? Dateci le vostre opinioni nei commenti!

Da Spotify, la musica per dare il massimo a scuola

10 Ott

Che la musica giusta aiuti a studiare meglio è un dato di fatto. A provarlo ci sono ricerche scientifiche. A metterlo in pratica, perfino qualche app. Anche Spotify, il collosso della musica in streaming, ha voluto aiutare gli studenti con una playlist in grado di aumentarne la produttività. Per realizzarla, la piattaforma si è avvalsa della collaborazione di Emma Kenny, psicologa esperta in salute e benessere dell’infanzia e dell’adolescenza con 18 anni di esperienza nel settore. La sua consulenza ha consentito di estrapolare, tra i 100 brani più ascoltati su Spotify, quelli in grado di mettere gli studenti nel giusto stato mentale in ogni momento della giornata scolastica. Non durante lo studio, quindi, ma nelle pause ricreative che già molti ragazzi occupano con l’ascolto di musica sui loro smartphone. Le scelte si sono basate su ritmi, testi ed impatto emotivo dei brani, che sono stati elencati secondo un criterio cronologico adatto alla routine scolastica. Ma vediamo, in concreto, cosa dovrebbero ascoltare e perchè.

studying-exams-music-playlist

Prima di andare a scuola

I brani migliori per prepararsi ad affrontare una giornata tra i banchi sono quelli movimentati, con un ritmo uguale o superiore agli ottanta battiti al minuto. Canzoni come Happy di Pharrell Williams o Sing di Ed Sheeran sono, secondo Emma Kenny, ottime opzioni per migliorare l’umore e predisporre la mente all’apprendimento con un atteggiamento positivo.

Intervallo

La playlist di Spotify propone canzoni pop come Lividup di Disclosure o Money On My Mind di Sam Smith per mantenere uno stato d’animo positivo durante la pausa tra le lezioni. Grazie a brani di questo tipo gli studenti più soggetti a stress riescono a rilassarsi mentre la funzione cognitiva risulta genericamente migliorata.

Pranzo

Ascoltare musica rilassante e con cadenza regolare ha l’effetto dimostrato di sciogliere la tensione e modificare l’attività delle onde cerebrali, aumentando la produzione di serotonina ed energia emotiva con benefici simili a quelli prodotti dalla meditazione: l’ideale per svagarsi durante la pausa pranzo. Tra le hit più ascoltate su Spotify, sono state scelte per questo momento della giornata Safe and Sound dei Capital Cities e Revolution 909 dei Daft Punk.

Intervallo pomeridiano

Gli studenti che si trovino a dover affrontare anche lezioni pomeridiane, possono mantenersi energici e concentrati grazie a melodie più ritmate, in grado di preservare la produttività nonostante l’alto numero di ore di studio. Una tecnica che può funzionare anche in ambiente lavorativo! Tra i brani consigliati da Emma Kenny ci sono What I might do di Ben Pearce e Lightning Bolt di Jake Bugg.

Sera

Il sonno è importante ai fini dell’apprendimento ed è stato dimostrato che la musica è in grado di migliorarne la qualità, riducendo ansia e stress. Per questa fase della giornata sono consigliati, quindi, ritmi tra i 50 e gli 80 battiti al minuto, il cui effetto calmante mette il cervello in condizione di ricordare ed imparare nozioni nuove. All Of Me di John Legend e I forget where we were di Ben Howard sono, in questo caso, ottime opzioni.

Per studenti demotivati

Capita a tutti di sentirsi abbattuti e demoralizzati di fronte ad un elevato carico di studi o ad una materia particolarmente ostile. In questi casi, la musica classica e confortante, tra i 60 e i 70 battiti al minuto, può influenzare le nostre emozioni e risollevarci il morale. Consigliato, quindi, l’ascolto di Ludovico Einaudi.

Ecco, a seguire, la playlist completa proposta da Spotify per un maggior rendimento:

 E voi, cosa ascoltate a scuola o sull’ambiente di lavoro? Condividete con noi le playlist che più vi rendono produttivi! 

EdPuzzle: il tool per trasformare i video in lezioni

3 Ott

Ci è già capitato di accennare, in passato, alla diffusione del video come mezzo per l’insegnamento. Se avete intenzione di abbracciare il trend, oggi vi presentiamo una piattaforma web-based che vi consentirà di sfruttarne al massimo le potenzialità. Si tratta di EdPuzzle, tool gratuito dal funzionamento intuitivo grazie a cui potrete trasformare qualsiasi filmato nella lezione che avevate in mente.

edpuzzle
Il sito supporta un sistema di ricerca interno che rende facilmente rintracciabile un video già postato online su una vasta gamma di canali, tra cui youtube, vimeo, Teacher Tube, National Geographic o TED. In alternativa, l’utente ne può caricare uno personale. In entrambi i casi, uno strumento di editing permette di estrapolare dai filmati soltanto le parti desiderate.

Il vero punto di forza di EdPuzzle, però, sta nella sua capacità di rendere realmente attiva ed efficace la visione da parte degli studenti: si possono infatti integrare dei quiz all’interno dei video creati, così da renderli interattivi ed esortare gli alunni a rispondere a domande sui contenuti che stanno seguendo, verificandone la comprensione in tempo reale.

Uno screen shot da EdPuzzle

Uno screen shot da EdPuzzle

Gli insegnanti hanno inoltre a disposizione dati analitici molto completi grazie ai quali sapranno immediatamente quali tra gli studenti hanno effettivamente guardato il video e, grazie ai risultati dei quiz, quanto è stato loro utile a livello di nozioni apprese.

I progressi degli studenti, facilmente monitorabili grazie agli analytics di EdPuzzle

I progressi degli studenti, facilmente monitorabili grazie agli analytics di EdPuzzle

EDpuzzle-student-progress-1024x721
Un ulteriore aspetto positivo è la possibilità, per il docente, di aggiungere una registrazione audio al video, così da commentare ed evidenziare alcune scene come farebbe se si trovasse in classe. I filmati sono anche facilmente embeddabili su altri siti web.

Le video-lessons create con EdPuzzle non aspirano a sostituire le lezioni tradizionali, ma offrono certamente un valido complemento di cui avvalersi sia tra i banchi di scuola che per gli approfondimenti a casa.

E voi, avete già provato EdPuzzle? In cosa l’avete trovato utile e in cosa, invece, vi ha convinto meno? Raccontateci le vostre opinioni nei commenti!

StudyRoom: la app student-oriented per creare gruppi di studio online

19 Set

Noi di Forma siamo sempre attenti alle novità che uniscono in modo efficace tecnologia ed istruzione. Per questo, ci siamo documentati sui progetti presentati lo scorso 7 Settembre al Tech Crunch Disrupt Hackathon di San Francisco, e ci teniamo a condividere con voi alcuni tra i più interessanti e innovativi.

Uno di essi è senza dubbio StudyRoom,  piattaforma che trasferisce su web il concetto di “gruppo di studio” con l’obiettivo di migliorare l’esperienza di apprendimento degli studenti mediante uno scambio continuo di chiarimenti e nozioni.

Ad Emerson Malca, CEO e co-fondatore del progetto, l’idea è venuta dopo che un amico gli ha chiesto aiuto con i compiti di fisica, rivolgendosi a lui perchè non aveva i numeri di telefono dei suoi compagni di classe. “E’ stato uno shock constatare che la generazione più social e più connessa non è in grado di mettersi in contatto con le persone che vede ogni giorno”, ed è per questo che StudyRoom mira a cambiare le cose.

I fondatori di StudyRoom al Tech Crunch Disrupt Hackathon di San Francisco

I fondatori di StudyRoom al Tech Crunch Disrupt Hackathon di San Francisco

Il portale, strutturato come una sorta di Facebook per studenti, permette ai ragazzi di unirsi alla pagina della loro classe, dove i compagni condividono appunti sulle letture in programma, domande sui compiti per casa, materiale per approfondimenti e aiuti agli esercizi, formano gruppi di studio e si aiutano a vicenda.

Oltre alla pagina della classe c’è anche una pagina della scuola di riferimento, che si configura come una sorta di news feed dove vengono pubblicate le attività relative all’istituto, come eventi, attività sociali, domende degli studenti in merito ai professori, etc.

La differenza tra StudyRoom ed altre piattaforme simili risiede principalmente nel suo essere focalizzata sugli studenti: gli insegnanti non ne sono esclusi, ma non ne sono né protagonisti né destinatari.

 

studyroom

Tra le feature da evidenziare c’è la possibilità di rivolgere ai compagni domande in modo anonimo, pensata per chi si imbarazza ad ammettere pubblicamente di non aver capito un determinato argomento o è troppo timido per intervenire ed esporre i propri dubbi durante le lezioni. Inoltre, per gli allievi che avessero bisogno di un aiuto personalizzato, StudyRoom mette a disposizione un servizio di Online Tutoring a pagamento.

Il progetto è stato inizialmente testato in sei università americane e da Gennaio 2014 è una realtà per 100 scuole del Paese. L’obiettivo, dopo la presentazione ufficiale, è ora quello di raggiungere più di 40.000 studenti nei soli Stati Uniti.

E voi, conoscete qualche nuova app o piattaforma web-based focalizzata sul mondo della formazione e volete segnalarcela? Contattateci nei commenti!

 

StudySpots: il website che ti dice dove studiare

12 Set

Studiare può essere più stimolante, se lo fai nella giusta cornice. È uno dei principi chiave di StudySpots, innovativo website presentato lo scorso 7 Settembre al TechCrunch Disrupt Hackathon di S. Francisco: basandosi su tempo atmosferico, vicinanza geografica e stato d’animo del momento, fornisce agli utenti una lista di location in cui recarsi, per rendere al massimo sui libri.

A realizzarlo è stato un team di cinque giovani donne dell’organizzazione no-profit  Girls Who Code. Ad ispirarle, uno studio che ha dimostrato che variare i luoghi di studio rende più produttivi, in quanto il cervello applica automaticamente delle associazioni tra le informazioni acquisite e le sensazioni provate negli ambienti in cui si trova.

Il funzionamento di StudySpots è facile ed intuitivo. Il primo step consiste nell’inserire il codice postale della località d’interesse, che il sito utilizzerà non solo per individuare le location più vicine, ma anche per rilevare il tempo atmosferico ed effettuare, in base ad esso, una prima selezione tra spazi al chiuso e spazi all’aperto. Poi, all’utente verrà chiesto di selezionare il mood del momento tra due possibili opzioni: concentrato e pronto al lavoro oppure svogliato e incline a procastinare (e quindi bisognoso di meno possibilità di distrazione).

Basandosi su questi fattori, StudySpots fornirà quindi un elenco di possibili destinazioni in cui andare a preparare il prossimo esame. Tra essi ci sono biblioteche, parchi e caffetterie.

studyspots

E voi, usereste il web per trovare il luogo perfetto in cui studiare? Conoscete una app che svolga una funzione simile anche sul territorio italiano ? Raccontatecelo nei commenti!